XXXVII Selezione Nazionale del Parlamento Europeo Giovani ad Orvieto

NewsCommenti disabilitati su XXXVII Selezione Nazionale del Parlamento Europeo Giovani ad Orvieto

parlamento_giovani-750x400

La Fondazione per il Centro Studi Città di Orvieto è lieta di ospitare nella propria sede di Palazzo Simoncelli, in Piazza del Popolo n. 18, i lavori di tre “commissioni” della XXXVII Selezione Nazionale del Parlamento Europeo Giovani.

Riportiamodi seguito il testo del comunicato stampa diffuso da “ORVIETO NOTIZIE” – Agenzia d’informazione istituzionale quotidiana del Comune di Orvieto:

Selezione Nazionale del Parlamento Europeo Giovani

Al via da oggi, al Palazzo del Popolo di Orvieto, la XXXVII Selezione Nazionale del Parlamento Europeo dei Giovani

COMUNICATO STAMPA n. 148/16 G.M. del 03.03.16
Da oggi a martedì 8 marzo, Orvieto è sede della XXXVII Selezione Nazionale del Parlamento Europeo dei Giovani  
(ON/AF) – ORVIETO – Patrocinato dal Comune di Orvieto si apre oggi al Palazzo del Popolo la XXXVII Selezione Nazionale del Parlamento Europeo dei Giovani in programma fino a martedì 8 marzo per iniziativa dell’Associazione Parlamento Europeo Giovani – Comitato nazionale dell’European Youth Parliament.
All’evento, che questa mattina è stato presentato in Comune dal Sindaco, Giuseppe Germani, dal Presidente e V. Presidente di PEG Italia, Francesco Colin e Raffaello Stefani e dall’organizzatore, Jacopo Moretti, prendono parte 130 partecipanti (84 oltre ai facilitatori) provenienti dall’Italia e dal resto d’Europa; con loro anche gli organizzatori locali, i chairpersons facilitatori delle varie commissioni e un piccolo ma vero e proprio media team – che avranno modo di conoscersi, confrontarsi e dibattere su temi di attualità, formare opinioni personali ragionate rispetto ai valori della cittadinanza europea attiva.
L’Associazione Parlamento Europeo Giovani – Comitato nazionale dello European Youth Parliament – è un’associazione di promozione sociale di volontari costituita nel 1994 su iniziativa di un gruppo di docenti e studenti che avevano partecipato a precedenti Sessioni Internazionali dello European Youth Parliament, con il sostegno dell’Istituto Statale Pier Paolo Pasolini di Milano.
Da allora, l’Associazione promuove tra i giovani studenti delle scuole superiori, i valori della collaborazione e del dibattito, nel massimo del rispetto reciproco per le differenti opinioni o contesti sociali, culturali, economici di provenienza dei partecipanti, allo scopo di educare i giovani alla cittadinanza europea attiva, fornendo loro gli strumenti necessari a formarsi un’autonoma visione del mondo e delle opinioni basate sui fatti e frutto dell’ascolto delle esperienze altrui.
Il PEG organizza annualmente almeno due Selezioni Nazionali, della durata di cinque giorni in cui sono scelti gli studenti che andranno a rappresentare la Repubblica Italiana alle Sessioni Internazionali di EYP. Queste Selezioni Nazionali vedono ogni volta la significativa collaborazione dalle Istituzioni regionali, provinciali e locali, oltre al sostegno di imprese e privati.
La XXXVII Selezione Nazionale di Orvieto non è un’eccezione a questa solida tradizione. I partecipanti avranno modo di conoscersi, confrontarsi e dibattere su temi di attualità, formarsi opinioni personali ragionate. Oltre agli organizzatori locali e agli chairpersons (appositamente formati nelle tecniche elementari della gestione di piccoli gruppi), sarà presente anche una giuria formata da docenti ed associati esperti del PEG che selezionerà i migliori delegati, i quali rappresenteranno la Repubblica Italiana agli eventi internazionali.
Parallelamente alle attività per gli studenti, è previsto un programma culturale per i docenti accompagnatori, volto a far conoscere più da vicino le teorie e le tecniche dell’educazione non formale, così come declinata nelle attività dell’Associazione.
La XXXVII Selezione Nazionale seguirà il programma standard e presenterà tutti i momenti fondamentali di questo tipo di eventi, codificati dalla prassi ventennale dell’Associazione e dell’European Youth Parliament (EYP) organismo indipendente, apartitico e senza fini di lucro, fondato nel 1987 a Fontainebleau (ne fanno parte 40 Comitati Nazionali e l’Associazione PEG è il Comitato Nazionale di EYP in Italia, che organizzano oltre 300 eventi ogni anno coinvolgendo circa 27.000 giovani da tutto il continente. Dal 2004 l’iniziativa è un progetto della Schwarzkopf Foundation, con sede a Berlino.
L’European Youth Parliament ha lo scopo di scopo di promuovere e sviluppare una più vasta dimensione europea fra i giovani di età compresa fra i 16 e i 19 anni attraverso il confronto con coetanei di altre nazioni su argomenti di attualità (diritti umani, ecologia, economia, sanità, etc.). All’interno di questa piattaforma, i giovani di ogni paese europeo imparano a discutere e lavorare insieme in un clima di collaborazione e di convivenza civile nel rispetto delle differenze e delle caratteristiche irrinunciabili dei singoli paesi.
Le attività fondamentali di questi giorni della Selezione Nazionale del Parlamento Europeo dei Giovani sono: 
Teambuilding
I giovani, divisi in commissioni miste e sotto la direzione dei facilitatori (o chairpersons, un italiano e uno straniero), si impegnano in una serie di attività specifiche mirate a rompere il ghiaccio con i compagni (tutti di scuole e città diverse) e alla formazione del gruppo come squadra. È il primo vero momento di full-immersion in lingua inglese della Selezione nazionale. Il teambuilding può includere attività all’aria aperta, ludiche e sportive, ma anche attività di problem solving di gruppo.
Committee Work
Durante questa fase, i membri di ogni commissione dovranno discutere l’argomento precedentemente assegnato sotto la guida dei rispettivi chairperson, che struttureranno il dibattito in modo da pervenire a un consenso comune su una proposta di risoluzione sul modello di quelle del Parlamento Europeo. Anche questa fase è interamente in lingua inglese. I chairperson non forniscono alcuno spunto di contenuto, ma si limitano a guidare il gruppo e assicurano anche della correttezza fattuale delle varie proposte della commissione.
Assemblea Generale
La Selezione Nazionale vedrà il suo culmine durante l’Assemblea Generale in programma Lunedì 7 marzo, dove i giovani parlamentari presenteranno le proposte di risoluzione elaborate in seno alle commissioni e dibatteranno sui contenuti. Ogni discussione si svolgerà seguendo procedure ben precise che ricalcano, in forma semplificata, quelle del Parlamento Europeo. L’Ufficio di Presidenza garantisce a tutte le commissioni pari opportunità di intervento e i chairperson si preoccuperanno di distribuirle equamente.
___________________________
Il Sindaco Giuseppe Germani ha salutato l’evento affermando “questa iniziativa è la dimostrazione di come e quanto i giovani siano in grado di stare sui temi. E’ esattamente il futuro che vorremmo anche per la nostra vita cittadina locale. Ci sono giovani che hanno prospettive, idee e hanno voglia di governare il proprio futuro. Come Città di Orvieto abbiamo cercato di dare loro tutto il supporto possibile. Come sistema città e come sistema Italia abbiamo bisogno di queste esperienze. Per questo propongo di creare un punto di raccordo con il nostro costituendo Ufficio Europa”. 
“In pochi giorni – ha aggiunto – la nostra città è la scena di due appuntamenti significativi: la scorsa settimana ‘Orvieto Scienza’ dove i giovani hanno approfondito la questione del clima e del’abbattimento di CO2 in atmosfera, ed ora la Selezione Nazionale del Parlamento Europeo dei Giovani. Si tratta di momenti che ci danno la spinta per incentivare il confronto con i giovani.  Luoghi di dibattito e di studio. Presto sottoporrò all’attenzione del nostro Consiglio Comunale il documento di sintesi dei lavori di ‘OrvietoScienza’ e propongo anche all’Associazione Parlamento Europeo Giovani – Comitato nazionale dell’European Youth Parliament di poter trasferire nel  patrimonio di conoscenze e di atti del nostro Consiglio Comunale anche il loro documento conclusivo”.
Francesco Colin ha presentato PEG Italia dicendo: “la nostra associazione è assolutamente indipendente e si occupa di promuovere la dimensione europea nelle scuole secondarie attraverso l’esercizio della cittadinanza attiva europea, proponendo ai giovani, modi alternativi di apprendere con l’obiettivo che essi escano da un evento, avendo avuto la possibilità di dire quello che pensano, di uscirne cambiati. Anche noi abbiamo fatto questa esperienza e oggi abbiamo la possibilità di continuare il percorso come volontari”. 
“I ragazzi del Parlamento Europeo dei Giovani – ha proseguito – affrontano tematiche europee di grandissima attualità, quali l’immigrazione e la ristrutturazione dell’Unione Europea. Le attività partono circa tre mesi prima dell’evento. Teniamo molto a che gli studenti dicano la loro opinione. Non c’è nessuna approssimazione, ma un lavoro di esercizio democratico rispettoso delle regole, ben affinato rispetto agli standard di qualità da raggiungere e con l’obiettivo di una proposta fattiva. Un lavoro di compromesso per raggiungere la sintesi collettiva delle opinioni espresse. Giudico positiva la proposta del Sindaco. Infatti, questi incontri mettono a valore la creatività dei giovani e le sintesi che emergono sono sempre molto innovative quindi utili. Il lavoro di simulazione è misurato sui meccanismi del governo delle istituzioni europee, quindi ci teniamo ad avere un livello contenutistico molto elevato. Per questo è stato stretto un rapporto di collaborazione con Scuola Sant’Anna di Pisa ed è stato sottoscritto un Protocollo d’Intesa con il Ministero dell’Istruzione che ha riconosciuto l’apporto extra scolastico della nostra Associazione  che daranno luogo a delle esperienze specifiche già dal prossimo anno”.
“Grazie alla Città di Orvieto – ha dichiarato Raffaello Stefani, V. Presidente di PEG Italia – per averci dato questa opportunità. Dopo Orvieto la prossima iniziativa sarà a Volterra perché il nostro obiettivo è creare un legame con il territorio italiano. E’ anche una opportunità per far conoscere il nostro Paese ai facilitatori europei che vengono da tutti i Paesi d’Europa. La relazione fra i ragazzi e il territorio che li accoglie è molto importante. Proprio domani i ragazzi conosceranno i loro compagni di commissione; la prima volta in cui si confrontano fra loro è molto importante, nel senso che imparano a conoscersi, a lavorare e parlare in inglese. Sono situazioni che li coinvolgono emotivamente anche perché li mettono nella condizione di affrontare esperienze  nuove, come viaggiare da soli per la prima volta, quindi sono occasioni molto stimolanti. Da parte nostra sentiamo il bisogno di ricambiare l’occasione che noi stessi abbiamo avuto, specie in un periodo storico in cui l’Unione Europea viene vista come qualcosa di lontano”.
“Oggi sta prendendo il via questo evento ed arriveranno tutti i facilitatori e le scuole – ha detto Jacopo Moretti che ha organizzato l’iniziativa – domani pomeriggio invece inizieranno tutte le attività previste, fra queste la socializzazione. Lunedì 7 marzo, invece, si terrà la simulazione di una Assemblea Plenaria del Parlamento Europeo in cui verranno portate le tesi elaborate dai ragazzi nei giorni precedenti. Questa esperienza ad Orvieto è un ulteriore traguardo per l’Associazione nel suo complesso che contribuirà alla capillarizzazione sul territorio. Desidero ringraziare particolare il Comune di Orvieto che in modo concreto, più che a parole, ha riconosciuto la validità del progetto dandoci tutto il supporto necessario”. 

– See more at: http://www.comune.orvieto.tr.it/notizie/selezione-nazionale-del-parlamento-europeo-dei-gio#sthash.IlvKRtSV.dpuf

Comments are closed.

Fondazione per il Centro Studi Città di Orvieto - P. IVA 01288060559