Orvieto dice sì al Centro di ricerca e formazione per la salute e l’alimentazione

NewsCommenti disabilitati su Orvieto dice sì al Centro di ricerca e formazione per la salute e l’alimentazione

Dopo l’approvazione unanime del consiglio comunale e nel contesto della ripresa delle attività del Centro Studi Città di Orvieto, è stata sottoscritta lunedì 23 marzo la Convenzione tra il Comune di Orvieto, l’Istituto Zooprofilattico Sperimentale dell’Umbria e delle Marche (IZS-UM), l’Università degli Studi di Perugia, l’AUSL 2, la Regione Umbria e la Fondazione per il CSCO per l’istituzione e il funzionamento del Centro di Ricerca e formazione per la Salute e l’Alimentazione (Ce.R.S.Al.) con sede in Orvieto.

“Il Ce.R.S.Al. – ha sottolineato il sindaco Giuseppe Germani – è una delle eccellenze da rafforzare e far crescere nell’ottica delle nuove frontiere della prevenzione delle malattie infettive e della formazione di figure professionali nel campo della medicina unica. L’ingresso dell’Università di Perugia e della Regione Umbria in questa esperienza, costituisce un punto fondamentale e di estrema garanzia sotto il profilo della ricerca in campo scientifico e dell’applicazione sul campo della prevenzione delle malattie. Siamo particolarmente soddisfatti quindi del doppio risultato raggiunto: la ripresa dell’attività del Ce.R.S.Al. ad Orvieto ma in una prospettiva di sviluppo. Superato, come pressoché ovunque, il ricordo delle città sedi di facoltà universitarie decentrate, con l’Università di Perugia stiamo anche lavorando all’attivazione di Master sui beni culturali e l’archeologia che costituiscono un’altra eccellenza della nostra realtà e che presto speriamo di poter presentare”.

“Soddisfazione per il lavoro di ricomposizione del Ce.R.S.Al. fatto integrandolo con le figure necessarie” è stata espressa dal Direttore Generale dell’AUSL Umbria 2, Sandro Fratini il quale ha anche auspicato che “Orvieto possa diventare centro di formazione ad hoc in questo campo specifico. Concordo sul fatto che dobbiamo partire subito con un progetto formativo costruito con l’Università e che abbia come riferimento anche i Paesi dell’UE”.

Non ha nascosto emozione unita alla soddisfazione il Presidente del CSCO, Matteo Tonelli che ha parlato di “un evento importante – la firma della convenzione del Ce.R.S.Al. – che costituisce un pezzo importante per l’attività di rilancio del Centro Studi Città di Orvieto, a cui tutto il CdA sta lavorando con impegno ed entusiasmo. Un impegno e una disponibilità che, in questa sede, confermiamo nella sua totalità affinché questo progetto abbia il massimo successo”.

E’ possibile saperne di più sul sito istituzionale del Comune di Orvieto a questo indirizzo:

orvietonews.it by http://www.orvietonews.it.

Pubblicato da IO-TIFO-CENTRO-STUDI il 24 marzo 2015 alle ore 13:02

La rivitalizzazione del CERSAL (stesso acronimo per una “mission” del tutto nuova ed al passo con una realtà nel frattempo mutata radicalmente: ricerca e formazione per la “salute unica e globale / One Health and Global Health”) ridarà nuova linfa al Centro Studi Città di Orvieto e gli schiuderà nuove prospettive di sviluppo, assicurate dalle presenze “pesanti” della Regione Umbria e dell’Università di Perugia. Il CERSAL dovrà riprendere al più presto il rapporto di collaborazione instaurato già nel 2005 con l’Organizzazione Mondiale della Sanità ed attivarsi per partecipare a progetti nazionali ed europei di ricerca scientifica ed alta formazione nei settori di competenza. Il Centro potrà così ambire ad un ruolo di eccellenza e di riferimento a livello regionale e non solo.

Comments are closed.

Fondazione per il Centro Studi Città di Orvieto - P. IVA 01288060559